Michelangelo

Polinesiani - Blackwork

La passione per i tatuaggi del Pacifico risale alla sue esperienze americane nei primi anni ’90, quando incontra i pioneri del tatuaggio tribale…

Leggi..

come Gary Kosmala, Leo Zulueta, Trevor Marshall e Paulo Sulu’ape. Da allora, in un percorso di studio e di ricerca che dura da più di vent’anni, ha affiancato agli stili polinesiani (marchesiani, maori, samoani, micronesiani ed altri) e del Pacifico in generale, una sua visione del genere “blackwork”, caratterizzata da estese campiture di nero e dal contrasto tra queste e parti “in negativo”.
Questo stile, sia per la quasi totale assenza di sfumature che per un certo minimalismo dei motivi, può a prima vista sembrare “semplice”; al contrario presenta molte sfide, non concedendo spazio ad errori o incertezze: richiede estremo rigore nel disegno, studio dell’anatomia e delle peculiarità della singola persona per un fluire armonico del tatuaggio sul corpo e di una buona tecnica per ottenere un nero profondo, uniforme, e che duri nel tempo. Perchè sia, insomma, “built strong“!

S.C.


Access Token not set. You can generate Access Tokens for your Page or Profile on fb.srizon.com. After generating the access token, insert it on the backend